Sindrome da quarantenni/1 – Hai voluto la bicicletta? E ora…

 

A causa del previsto cambio di sito e server, l’articolo cercato si trova al seguente link:

Hai voluto la bicicletta…


La redazione di Back To The Blog si scusa per il “clic” aggiuntivo che vi viene richiesto.

 

 

 

 

 

Advertisements

5 pensieri su “Sindrome da quarantenni/1 – Hai voluto la bicicletta? E ora…

  1. Due ragazzi del borgo cresciuti troppo in fretta
    Un’unica passione per la bicicletta
    Un incrocio di destini in una strana storia
    Di cui nei giorni nostri si è persa la memoria
    Una storia d’altri tempi, di prima del motore
    Quando si correva per rabbia o per amore
    Ma fra rabbia ed amore il distacco già cresce
    E chi sarà il campione già si capisce.
    Vai Girardengo, vai grande campione !
    Nessuno ti segue su quello stradone.
    Vai Girardengo ! Non si vede più Sante
    È dietro a quella curva, è sempre più distante
    E dietro alla curva del tempo che vola
    C’è Sante in bicicletta e in mano ha una pistola
    Se di notte è inseguito spara
    E centra ogni fanale
    Sante il bandito ha una mira eccezionale
    E lo sanno le banche e lo sa la Questura
    Sante il bandito mette proprio paura
    E non servono le taglie e non basta il coraggio
    Sante il bandito ha troppo vantaggio
    Fun antica miseria od un torto subito
    A fare del ragazzo un feroce bandito
    Ma al proprio destino nessuno gli sfugge
    Cercavi giustizia ma trovasti la Legge
    Ma un bravo poliziotto
    Che conosce il suo mestiere
    Sa che ogni uomo ha un vizio
    Che lo farà cadere
    E ti fece cadere la tua grande passione
    Di aspettare l’arrivo dell’amico campione
    Quel traguardo volante ti vide in manette
    Brillavano al sole come due biciclette
    Sante Pollastri il tuo Giro è finito
    E già si racconta che qualcuno ha tradito
    Vai Girardengo, vai grande campione !
    Nessuno ti segue su quello stradone
    Vai Girardengo ! Non si vede più Sante
    È sempre più lontano, sempre più distante
    Sempre più lontano, sempre più distante…

    Scegli tu chi essere tra il bandito e il campione, a chi ti senti più vicino… dal mio punto di vista e per motivi diversi sono affascinanti tutti e due.
    Quarant’anni sono belli e, come qualsiasi età, vengono una volta sola; in questa fase, in linea di massima, uno ha raggiunto una certa indipendenza economica, ha creato una famiglia, lavorativamente parlando si dovrebbero aver raggiunto discreti traguardi, gli eventuali debiti per mutui, rate, etc. si stanno lentamente diradando… e quindi è giunto il momento di GODERSI QUANTO DI BELLO SI E’ RIUSCITI A COSTRUIRE.

    Vai Alfredo, vai grande campione…

    Mi piace

    1. Grazie mille! Domattina andrò a fare un giro in bici. Se mi sveglierò in tempo, se ci sarà bel tempo ma non troppo, se ne avrò voglia…ecc. ecc. (pensieri da sportivo modello, vedi?)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...